Onoda

1658670_722341257847608_7758736152683500380_o

1. Ciao, come presenteresti la tua band ai lettori che non la conoscono?

Ciao siamo gli Onoda e come dico ad ogni nostro concerto non veniamo da nessuna città in particolare, venendo più o meno tutti da città diverse anche se ora ci siamo più o meno stabiliti tutti a Bologna (tranne me). Siamo attivi dall’ ottobre del 2013 e facciamo punk. Il nostro nome è dedicato ah Hiroo onoda un soldato fantasma giapponese che dopo la fine della seconda guerra mondiale ha continuato a combattere da solo per trent’anni nella giungla, credo ci voglia più o meno la stessa dedizione e determinazione per fare del punk rock nel 2015 e se come noi non si è più proprio dei ragazzini.

2. Parlateci del vostro ultimo lavoro in studio.

L’ultima nostra uscita è uno split su vinile assieme a Dear Dust, Low Derive e Malemute Kid uscito per Lonely Raven Records e Let’s Goat Records. Ogni band propone due pezzi, un indeito ed una cover. Noi abbiamo coverizzato un ppezzo del secondo album degli Osker che si chiama “Strangled”. Proprio in questo periodo assieme alle altre bands siamo in tour promozionale per promuovere questo lavoro.

3. Ci sono delle band che vi hanno influenzato in modo particolare nella vostra carriera?

Le nostre influenze sono nel punk rock anni novanta, quindi i nomi sono più o meno i soliti dai, NOFX, Bad Religion e compagnia bella, per la voce invece è più sullo street punk i miei guru sono Tim Armstrong dei rancid e soprattutto Stza (Chocking Victim/ Leftover Crack / Starfucking Hipsters)

4. Tre parole per descrivere la vostra musica.

Sinceramente me ne basta una: PUNK

5. Tre dischi da avere assolutamente.

I miei tre dischi preferiti sono: “Filosofem” di Burzum, “Ill Comunications” dei Beastie Boys e “Disintegration” dei The Cure, non so se sono dischi da avere assolutamente.

6. Raccontateci un aneddoto divertente che vi è capitato.

Ogni concerto ce ne capita sempre di ogni, sai come è sei stai in giro con gente assurda, cose assurde succederanno, dai ti racconto questa: l’anno scorso eravamo in tour Europeo e dopo una data a Parigi ci invitano a d un party privato in una villa, ti dico una situazione abbastanza pettinata, noi eravamo abbastanza bevuti già all’inizio e li alla festa abbiamo cominciato a darci dentro, calcola che all’interno della villa c’era uno sala prove dove alcuni musicisti facevano jam di blues. Alla festa si sparge la voce che eravamo una band Italiana in tour e chiedono al promoter se ci va di fare un pezzo per i presenti, noi naturalmente accettiamo, io non stavo praticamente in piedi da quanto ero fuori e cominciamo a fare punk marcissimo a duemila allora davanti agli occhi basiti e terrorizzati dei presenti. Alla fine sono crollato semisvenuto attorcigliato nei cavi…il tutto è stato molto molto punk, te lo assicuro

7. Progetti per il futuro?

Finito questo tour torniamo in sala prove per finire di scrivere il prossimo EP che  sarà composto da 5 pezzi, tre sono già pronti. Intanto continuiamo a prendere date e a Luglio saremo ancora in tour Europeo

8. Ricordateci i vostri contatti web.

Venite a trovarci sulla nostra pagina facebook : www.facebook.com/onodapunk , quasi tutta la nostra discografia è scaricabile gratuitamente a dal nostro bandcamp onoda.bandcamp.com

Grazie mille per l’attenzione e lo spazio che ci avete concesso.

Annunci