La Fine

-TboPYMB3M6OpY3aSY0MTsJ7HWSIWPtIdcOrDeerTuE,uVe4gPSCa81c8CYb7IrzEcO7FFnA2X3nT9KBB2GdTfw

1. Ciao, come presenteresti la tua band ai lettori che non la conoscono? La Fine è una band post-punk con influenze hardcore e un sacco di struggimento nei testi che viene da Cosenza.

2. Parlateci del vostro ultimo lavoro in studio. Scontento è uscito un anno fa per la Superdoggy Music, la label di Karim degli Zen Circus ed è stato registrato l’anno prima da Andrea Sollo Sologni dei Gazebo Penguins all’Igloo Audio Factory di Correggio il due Novembre, però senza farlo apposta, semplice questione di ferie.

3. Ci sono delle band che vi hanno influenzato in modo particolare nella vostra carriera? Sicuramente i Fugazi, una band fondamentale sia a livello etico che a livello sonoro. Che si parli di politica Diy e di macinare chilometri per suonare ovunque o di hardcore trasversale che sfocia in melodia la band di Washington è sicuramente un punto di riferimento essenziale. Poi ce ne sarebbero altre mille che ci hanno influenzato e continuano ad influenzarci, ascoltiamo davvero di tutto.

4. Tre parole per descrivere la vostra musica. Violenta, minimale ed emotiva

5. Qual’è il brano del vostro repertorio che fareste ascoltare a qualcuno che non vi conosce e perché? Forse perché la gente nasce, probabilmente perché è la più completa. Un pezzo che parte sparato a mille con un testo tormentato e un ritornello serratissimo che sfocia in un bridge più pop fino alla chiusura in cui si apre in un beat lento e scuro per poi chiudere con un finale noise, in quel pezzo forse ci sono le varie anime de La fine tutte insieme.

6. Tre dischi da avere assolutamente. In utero dei Nirvana, uno qualsiasi dei Karate, Welcome to the sky valley dei Kyuss

7. Consigliateci tre band italiane da ascoltare. Allora: i Ruggine, i Selva e i Giona: penso che per chi cerca chitarre ed emozioni siano le migliori band che potete ascoltare in italia

8. Raccontateci un aneddoto divertente che vi è capitato. Sicuramente stare a bere dopo un concerto fino alle 7 di mattina con l’organizzatore del concerto ed essere rimasti chiusi dentro perché l’ultimo ad andarsene non pensava fosse rimasto nessuno. È stato molto divertente..a posteriori.

9. Progetti per il futuro? Sicuramente fermarci e fare il secondo disco, non abbiamo avuto un attimo di pausa dal tour da quando è uscito “scontento” e abbiamo voglia di fermarci un attimo e scrivere i pezzi nuovi per raccontare quello che stiamo vivendo in questo momento, visto che sono cambiate tantissime cose e abbiamo un bel po’ di cose da dire.

10. Ricordateci i vostri contatti web. Allora ci puoi trovare su su facebook come La fine e poi su twitter e instagram scrivendo lafineband. Se invece volete mandarci lettere d’amore o lettere di odio potete scrivere a lafineband@gmail.com

Annunci