Interviste: La Merda

15322401_1149158188507508_1582949335_o

1. Ciao, come presenteresti la tua band ai lettori che non la conoscono?
Ciao! Proponiamo un genere strumentale composto da basso, batteria e basi elettroniche. La nostra musica si basa su strutture e sonorità nelle quali cerchiamo di smontare le principali regole e schemi mentali che naturalmente ci verrebbero da applicare alla composizione, delle volte forse andando anche contro il buon senso! Quello che ne esce è un insieme di sensazioni di confusione, rabbia divertimento e libertà, o almeno questo è ciò che proviamo noi mentre suoniamo.

2. Parlateci del vostro ultimo lavoro in studio.
Nessun album in studio per ora. Abbiamo registrato un piccolo demo da consegnare ai vari direttori artistici dei locali.

3. Ci sono delle band che vi hanno influenzato in modo particolare nella vostra carriera?
Ovviamente un sacco. Ognuno ha moltissime influenze e anche molto diverse tra di noi. Direi che cmq condividiamo tutti una forte influenza per il signor Mike Patton, tanto per citare uno che mette sempre tutti d’accordo.

4. Tre parole per descrivere la vostra musica.
Lunatica, fastidiosa, sporca.

5. Qual’è il brano del vostro repertorio che fareste ascoltare a qualcuno che non vi conosce e perché?
I nostri brani hanno sonorità molto diverse, quindi te ne proporrei due: “Twin beer” in cui emerge un lato oscuro ma anche dolce ed anche incazzoso, insomma un perfetto e salutare rapporto di odio amore in cui non sai che finale potresti aspettarti, finirà nell’amore o nel omicidio-suicidio? È un pezzo molto adatto ad essere ascoltato nel periodo natalizio. “Pugnetta time” in cui invece sonorità più fresche e frizzanti, direi più funky, la fanno da padrona senza comunque tralasciare momenti di no sense e confusione varia, ma cmq un pezzo che tira, e dal nome dovrebbe proprio tirare (da ascoltare da sbronzi).

6. Tre dischi da avere assolutamente.
Punk in drublic – NoFX
The fragile – Nine inch nails
California – Mr.Bungle

7. Consigliateci tre band italiane da ascoltare.
Reels of joy
Zenden San
Capre a sonagli

8. Raccontateci un aneddoto divertente che vi è capitato.
La nostra prima saletta è stata mangiata da un fungo muffa gigante che ha divorato un’intera parete e ha fatto crollare metà soffitto. Questa cosa ci ha permesso di diventare dei guru nell’arte del legno, e ci ha anche permesso di girare il nostro primo video. https://www.youtube.com/watch?v=EbDO0tv7FcA Da vedere assolutamente!

9. Progetti per il futuro?
Quelli di tutti i gruppi “emergenti”: registrare un album e suonare il più possibile in giro.

10. Ricordateci i vostri contatti web.
https://www.facebook.com/lam3rda
lamerdaband@gmail.com

Grazie!

Annunci