Soundtrack of a Summer – Nothing Added, Nothing Taken Away

Soundtrack of a Summer | Album cover - 2016

Ho avuto il piacere di guardarmi i Soundtrack of a Summer al Surfer Joe Diner (Livorno) lo scorso 22 Aprile al release party del loro nuovo lavoro “Nothing added, nothing taken away” rilasciato per l’etichetta indipendente Inconsapevole Records (che ha base a Livorno stessa).

Il quartetto di Parma, sulla scena dal 2007, ha costruito i propri suoni mischiando varie influenze che vanno dal punk al metal fino al grunge di fine anni 90. Ho avuto la possibilità di godermi live un passaggio di stile da parte del gruppo, infatti sono riusciti ad alternare pezzi vecchi e nuovi riuscendo a creare un’atmosfera fluida ed energica. Infatti il disco nuovo (Nothing added..) è un passo avanti per il gruppo, che ha dimostrato di essere maturato dal punto di vista musicale.

Il disco inizia con “Gravel Road”, un’introduzione semplice ma che ti porta dritto al punto, per poi passare ad un ritornello cantabilissimo. Il pezzo dopo, “Troubled Waters”, è il mio preferito. L’intreccio di chitarre costante nella canzone, si sposa perfettamente con la voce di Simone, e mi ricorda molto gli Hot Water Music (che se non conoscete andate nell’immediato ad ascoltare). Il terzo pezzo, “Red letter Day” è quello che mi è piaciuto di meno perché mi è sembrato un po’ vago tranne che per il break finale che invece mi ha caricato molto e mi ha fatto scorrere l’ascolto fino alla quarta traccia “Odd Year”. Questo è un bel pezzo, una ballata decisa che ti fa immergere nel cantato che sembra prendere il sopravvento sull’intera canzone, e che personalmente mi ha fatto sentire all’interno del disco, cosa che avrebbe dovuto fare “Red Letter Day”. “Settle Down”, l’ultimo pezzo, ha proprio un atmosfera di chiusura. Varia parecchio, il pezzo al minuto 01.50 con le chitarre intrecciate e la voce che parte sopra mi ha lasciato di stucco, soprattuto perché si interrompe da solo per poi portare ad una chitarra “spaziale”(che non so ancora bene cosa significa, ma se ascoltare questa canzone lo capirete). Il pezzo conclude il disco come dev’essere fatto: di botto.

I difetti che ho riscontrato sono puramente opinioni personali, uno l’ho riscontrato dal vivo: la voce di Simone live è qualcosa di assurdo, ma nel disco per certi versi sembra non uscire tanto bene, come se si dovesse sforzare per cantare, cosa che live non risulta per niente. Il secondo difetto è una “questione di gusti”.. in confronto ai lavori precedenti, “Nothing Added, Nothing Taken Away” potrebbe risultare “lento”, ma bisogna capire a fondo il cambio stilistico da parte del gruppo.

Voto: 7

Pezzo preferito: Troubled Waters

Band page: http://www.soundtrackofasummer.com

Recensione di MIRCHO

Annunci