Interviste: Indigo

indigo 2015

1. Ciao, come presenteresti la tua band ai lettori che non la conoscono?

Gli Indigo sono nati come un side-project dei Seed’n’feed in un momento in cui i SNF erano in pausa, nel 2006 il primo disco omonimo, nel 2010 “Sfumature” in italiano e nel 2013 “From the heart of the boot”, tutti scaricabili e ascoltabili su Spotify. Indigo è un progetto punk rock, ne piu ne meno, con influenze diverse ma molto fedele a quel tipo di suono anni 90 con cui siamo piu’ o meno cresciuti tutti. Io vengo da una lunga esperienza coi snf, mentre al basso abbiamo Ale Paolucci, storico bass player dei Raw Power e produttore discografico ai West Link Studios. Alla chitarra Matteo, giovane promessa del punk rock pisano (hihihihihiih)  e alla drums un nuovo membro, Luca, già batterista dei Nasty Farmers.

2. Parlateci del vostro ultimo lavoro in studio.

L’ultimo disco si intitola “From the heart of the boot”, registrato e mixato per l’appunto ai West Link Studios tra Ottobre e Dicembre del 2012.  E’ come dice il titolo un rimando alla nostra provenienza. Si tratta di uno dei lavori piu’ punk rock fatti dagli indigo, con un forte legame a quel tipo di sound anni ’90. Legati quindi alla melodia che cmq caratterizza anche le vecchie produzioni. Qui pero’ il processo creativo per me è stato diverso, nel senso che un buon 60% dei pezzi sono stati scritti (la musica) da Matteo, nostro chitarrista ed io ho elaborato testi e melodie su riffs suoi. Quindi si è poi aggiunto Ale Paolucci (basso) ed abbiamo così lavorato sui pezzi in 3. A differenza di altre volte dove la quasi totalità dei pezzi erano di mia provenienza.

3. Ci sono delle band che vi hanno influenzato in modo particolare nella vostra carriera?

Ci sono troppe bands che ci hanno influenzato e continuano a farlo, anche se devo dire (per quanto mi riguarda) i miei ascolti sono cambiati parecchio rispetto ad una volta, rimango cmq legato a gruppi come Bad Religion, SNFU, SAMIAM, SENSEFIELD, Face to face che ci hanno ispirato non poco, anche cose piu’ rock ’90 come Dinosaur JR o Helmet … o i sempre verdi Foo fighters… Ma anche gruppi piu’ di nicchia come Burning Airlines, Jawbox , che hanno fatto dischi incredibili… la Revelation Records come attitudine e produzione raccoglie un po’ l’idea di quello che secondo me ci ha cresciuto musicalmente parlando….

4. Tre parole per descrivere la vostra musica.

punk rock melodico 🙂

5. Qual’è il brano del vostro repertorio che fareste ascoltare a qualcuno che non vi conosce e perché?

Forse un pezzo come Loveless Lolita potrebbe dare l’idea ad un curioso di capire di cosa si tratta la musica degli Indigo: è un pezzo del primo disco (omonimo) che ha tutte le caratteristiche ed influenze di cui si parlava poco fa… e poi perchè è un pezzo che fa sempre piacere suonare dal vivo!

6. Tre dischi da avere assolutamente.

Bad Religion ” Recipe for Hate”

AT the Drive-in ” Relationship of command”

Fugazi “Repeater”

7. Consigliateci tre band italiane da ascoltare.

Vi consigliamo vivamente di ascoltare, per chi già nn lo avesse fatto:

1- Actionmen 

2- Veracrash

3- Jersey line (anche se nn esistono più)

8. Raccontateci un aneddoto divertente che vi è capitato.

Abbiamo scoperto un po’ di tempo fa che un’altra band di giovanissimi si erano chiamati con il nostro stesso nome.. per cui abbiamo cercato di capire se era possibile trovare un compromesso vista la vicinanza… ma i ragazzetti si sono barricati dietro a un sacco di motivazioni dicendo che cambiare il loro nome sarebbe stato come andare contro i propri principi.. e che cmq avrebbero scritto Indigo con una “N” maiuscola rovesciata… ahaha! Grandi risate! Eventualmente diffidate dagli Indigo con la n rovesciata .. non siamo noi anche se sono di Pisa (Pisa merda!) NB.  (3/4 degli Indigo son di pisa eccetto me, Lorenzo) 🙂

9. Progetti per il futuro?

Ora abbiamo da poco in formazione Luca nuovo batterista, con il quale vorremmo fare qualche date in vernale e un possibile minitour in Europa! tutto da vedere!

10. Ricordateci i vostri contatti web.

http://indigorocks.bandcamp.com/album/sfumature

poi chiaramente FB e spotify

Annunci