Interviste: Hard Landing

1926073_603448799735306_1516855315_o

1. Ciao, come presenteresti la tua band ai lettori che non la conoscono?

Ciao, siamo gli Hard Landing, una band pop punk/punk rock da Roma, ma di quello suonato male, non quello della pizza.

2. Parlateci del vostro ultimo lavoro in studio.

Il nostro ultimo lavoro “in studio” è in realtà un ep totalmente DIY. Abbiamo fatto tutto da soli. Ce lo siamo registrato in un box sudicio tra patatine e gazzosa, abbiamo fatto i layout e ci siamo anche piegati ed incollati i cartoncini. E’ stato “stampato” due volte ed ognuna contiene una cover diversa dall’altra. Una sorta di omaggio a chi ci ha spinto a tutto questo.

3. Ci sono delle band che vi hanno influenzato in modo particolare nella vostra carriera?

Assolutamente sì. A partire dai Blink 182 negli anni ’90, Blowing for soup, Sum 41, Green day fino ad arrivare a tutto quel filone fat wreck che si è susseguito negli anni.

4. Tre parole per descrivere la vostra musica.

5. Qual’è il brano del vostro repertorio che fareste ascoltare a qualcuno che non vi conosce e perché?

“Seventeen” dall’EP Alf, perché descrive a pieno tutto quello che penso e non posso dire in certe situazioni strazianti che ti portano al limite della sopportazione (Napo)

6. Tre dischi da avere assolutamente.

Solo tre? Così ci fai litigare ahah

7. Consigliateci tre band italiane da ascoltare.

Last Heart Attack, Malemute kid, Low Dérive

8. Raccontateci un aneddoto divertente che vi è capitato.

Uno dei nostri primi concerti fu’ in apertura ai Save Your Breath, band inglese abbastanza meritevole ma purtroppo oggi morta e sepolta. La cosa divertente è che era una specie di festival con altre 6 o 7 band. Ricordo che c’erano delle ragazze che intervistarono ogni singola band… tranne noi (forse perché eravamo già ubriachi alle 6 di pomeriggio, non so). La cosa divertente fu’ che oltre a noi persone marce, c’erano anche i Dear Jack e i My dreams, che oggi sono considerati star della musica italiana. Bello eh? Ricordo che Bernabei, il cantante dei Dear Jack mi accusò di avergli rubato un papillon. Fu tutto molto divertente, almeno per quello che ci ricordiamo.

9. Progetti per il futuro?

So che ci stiamo mettendo parecchio, ma io personalmente sono dell’idea che il mio prodotto debba soddisfare in primis me, altrimenti non riesco a fare nulla. Ci è voluto un po’ dal nostro ultimo lavoro, ma siamo quasi pronti per entrare in studio e incidere il nostro primo album, quindi come dicono gli americani, stay tuned

10. Ricordateci i vostri contatti web.

Grazie per la disponibilità.

https://www.facebook.com/HardLandingBand?fref=ts

https://hardlanding.bandcamp.com/album/a-loser-friend

Annunci